Il ruolo della governance locale nella lotta alla povertà multidimensionale e l’ineguaglianza. Il position paper a cura di Oxfam e ARCO.

Oggi l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile rappresenta il quadro di riferimento per la definizione, l’implementazione e il monitoraggio delle iniziative di sviluppo che saranno realizzate nei prossimi 15 anni in tutti i paesi del mondo. Tuttavia, sebbene risulti chiaro che l’efficacia dello sviluppo abbia rilevanza sia a livello internazionale che nazionale, spesso viene sottovalutato il  ruolo chiave dell’azione a livello locale per fronteggiare la povertà e le ineguaglianze.

Il punto di partenza di questa riflessione è che ciascun “spazio locale” è un ecosistema peculiare con il suo insieme di storia, cultura, geografia, risorse, conoscenze e istituzioni specifiche e complesse. Tre argomenti primari invitano ad una rinnovata attenzione alla governance locale quale strumento per fronteggiare la povertà e l’ineguaglianza: la presenza di importanti spazi di azione e di influenza a livello territoriale; l’esistenza di ambiti di policy direttamente connessi al benessere dei cittadini e l’impatto diversificato fra i territori derivante da politiche per natura nazionali.

Allo stesso tempo, il ruolo dei cittadini attivi a livello locale è fondamentale per raggiungere un miglioramento reale e tangibile nella vita delle persone. Donne, uomini e giovani hanno la possibilità di contribuire alla loro società se possono esercitare il diritto di essere informati ed essere ascoltati anzitutto nei loro territori: la cittadinanza attiva implica elementi più ampi rispetto alla partecipazione politica nel momento delle elezioni politiche. La cittadinanza attiva riguarda processi decisionali relativi agli obiettivi, le strategie e le risorse per lo sviluppo locale in una logica di co-responsabilità.

Agire sul dialogo e l’interazione tra autorità locali, cittadini e stakeholder all’interno di un territorio apre la strada a due importanti opportunità: l’identificazione di soluzioni strategiche per lo Sviluppo Umano Sostenibile a livello locale e la definizione di politiche innovative che possano altresì contribuire a processi di cambiamento a livello nazionale e internazionale.

Queste argomentazioni intendono rappresentare un punto di partenza per la futura ricerca e lo sviluppo di risposte alla povertà multidimensionale e all’ineguaglianza che siano più facilmente perseguibili ed efficaci a livello locale. E’ dunque necessario sviluppare un insieme di strumenti operativi in grado di guidare in maniera flessibile i decisori politici, gli operatori del settore e gli attivisti nel rafforzamento dei meccanismi di governance locale. In secondo luogo, è cruciale disegnare appropriati quadri teorici e tecniche di valutazione della governance locale al fine di incoraggiare processi decisionali e di apprendimento basati sulla reale evidenza empirica.

La prospettiva avanzata in questo documento redatto da Oxfam Italia e dal laboratorio Arco identifica vari motivi per avere fiducia che il successo in termini di eguaglianza, sostenibilità e libertà dall’ingiustizia della povertà emerga nel presente e nel futuro da un più forte legame e allineamento tra le azioni locali e nazionali con i cambiamenti globali, rafforzando processi di governance basati sui territori e sulle persone.

Per maggiori informazioni sul Position Paper visitare la pagina: www.oxfam.it/dove-avviene-il-cambiamento